Dicono di noi

Mi cantava l’alba
di Bepi De Marzi, compositore e direttore del coro “I Crodaioli”

egs2010_08230_fotosandonCantava, mia mamma, la storia del San Carlone di Arona: “Meraviglia del mondo, si specchia nel Lago Maggiore”. Quando era ragazza, a Milano, la sua “Scuola per Giovani Allieve di Computisteria”, con sede principale appena dietro il Corso di Porta Romana, organizzava ogni anno, a maggio e di domenica, il viaggio con le Ferrovie Nord fino a Laveno, poi, in battello, il giro del lago con “sosta più lunga” ad Arona per salire alla “Meraviglia del mondo”.

E mi recitava una filastrocca in dialetto meneghino che forse canzonava un poco il “Sancarlun”, che a me bambino pareva un allegro girotondo. Alla fine, però, quasi sempre, intonava un canto bellissimo. Oh, se lo ritrovassi! Diceva di Arona e dell’alba, di quando il sole illumina le case bianche più alte sulle colline, infilando i suoi raggi nei boschi a svegliare gli uccelli, invitando i gabbiani delle rive alla pesca, indorando la Rocca, carezzando il paese sul ritmo tranquillo dell’onda, sul profumo del pane, mentre le vele colorate dei pescatori aspettavano il primo vento.

E ora, nel tempo impensabile, tra il Lago e le colline che preludono le montagne, idealmente ai piedi del Grande San Carlo, c’è questo amabilissimo Coro che intona le mie storie, le mie speranze, le mie illusioni, i miei desideri mai conclusi. Canta perfino “Capinera”!, il mistero del bosco, con le voci soliste che, invitando alla felicità dei rami fioriti dalle melodie, confidano l’emozione della notte e dei sogni.
Grazie, maestra Mariangela, grazie Amici del Coro La Rocca!


Il Coro La Rocca che canta il lago con il suo fascino e i suoi misteri

di Bepi De Marzi, compositore e direttore del coro “I Crodaioli”

EGS2010_28386_fotoSandon

Dove il Lago Maggiore si restringe nella sua parte più meridionale, quasi a indurre l’acqua a defluire lenta nella suggestiva solennità del Fiume Ticino, la sponda piemontese spinge a levante un breve promontorio sul quale è stata innalzata la Rocca.
Il gruppo di amici che nel 1995 ha dato vita al Coro non poteva dunque non guardare alla nobiltà dell’alta costruzione colorata di sole e di storia. Coro La Rocca, dunque, la Rocca di Arona.
E subito, per le quattro voci miste affidate alla direttrice Mariangela Mascazzini, musicista, c’è stata la ricerca di un repertorio che potesse raccontare il lago, i boschi, le montagne, la fatica di vivere, le piccole felicità, la fede.
Il lago con il suo fascino e i suoi misteri. I boschi di castagni svettanti, di faggi lucenti e innamorati delle stagioni, di eleganti betulle, di abeti sempreverdi, di carpini e noccioli, di pino mugo balsamico. Le montagne che a nord hanno raccolto e conservano le grandi storie, anche drammatiche, non ultime le tragiche vicende della guerra tra fratelli. La vita quotidiana con le sue necessità, le sue ansie, le sue speranze e le sue pensosità al calare del giorno.
Senza dimenticare che un poco più in alto, in una Pieve appena discosta dalla riva, veniva a cercare ispirazione, silenzio e raccoglimento, Alessandro Manzoni. “L’ombra che viene azzurra le colline, giù nella valle si chiudono le rose; chi spegne il giorno conosce bene il sole; chi spegne il giorno conosce i nostri sogni”. È stato facile trovare nei canti di Bepi De Marzi – il grande compositore e poeta vicentino – molti di questi sentimenti.
E lungo gli anni, le immancabili, normali vicende di quasi tutti i cori: i concerti, le rassegne, gli inviti prestigiosi, le festose e generose presenze nella piccola terra di vita, i lunghi viaggi anche all’estero, fino all’affermazione come complesso originale, unico magari, felicemente libero dagli schemi che caratterizzano i grandi filoni dell’ispirazione popolare, della polifonia o del genere sacro.

Il coro La Rocca

I nostri valori Il Coro La Rocca di Arona rappresenta le storiche associazioni ANA (Associazione Nazionale Alpini) e CAI (Club Alpino Italiano). Costituito nel 1995 come Associazione culturale, ha lo scopo…

Read More
Il Maestro

Mariangela Mascazzini insegna musica nella scuola applicandola, proprio per gli studi compiuti, anche in chiave psicopedagogica. Ha fondato e diretto un brillante coro di voci bianche. Ha voce di soprano…

Read More
Dicono di noi

Mi cantava l’alba di Bepi De Marzi, compositore e direttore del coro “I Crodaioli” Cantava, mia mamma, la storia del San Carlone di Arona: “Meraviglia del mondo, si specchia nel…

Read More
Discografia

E’ stato presentato sabato 11 dicembre 2010 in occasione della XV Rassegna di canti alpini e popolari il nuovo cd del Coro Ana-Cai La Rocca dal titolo “Così cantiamo…” Foto copertina del…

Read More
Repertorio

Temi: Con gli Alpini – Dalla Montagna – Caro Piemonte – Per sorridere – Storie – La fede – Musica Sacra Ascolta i brani   INTORNO AL PRESEPE Adeste Fideles (Tradiz….

Read More